Siete in Home / SERVIZI ASSOCIATI / Consulenza / Regula documenti amministrativi / Regolamenti tipo / Somministrazione

Regolamento per la somministrazione di alimenti e bevande

In data 1° luglio 2016, la Giunta regionale ha adottato la deliberazione n. 854/2016 “Approvazione, ai sensi dell’art. 8, comma 1, della legge regionale 3 gennaio 2006, n. 1 (Disciplina delle attività di somministrazione di alimenti e bevande), di direttive e disposizioni per l’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande nel territorio della regione Valle d’Aosta. Revoca della DGR n. 122, in data 25.01.2008, come modificata con DGR 1009, in data 11.04.2008”. Tale deliberazione dispone che i Comuni, entro sei mesi dall’entrata in vigore della suddetta deliberazione, determinino i criteri per la somministrazione di alimenti e bevande e, se del caso, i provvedimenti di programmazione delle aperture degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande nelle zone del territorio da sottoporre a tutela.

Per supportare gli enti locali nell’applicazione della normativa e favorire l’aggiornamento degli strumenti regolamentari in vigore, il CELVA mette a disposizione due nuovi schemi di regolamento tipo per la somministrazione di alimenti e bevande, che recepiscono i contenuti della DGR. Gli schemi di regolamento si differenziano per l’individuazione o meno, sul territorio, di zone da sottoporre a tutela.

Gli schemi di regolamento tipo

Gli schemi di regolamento tipo recepiscono interamente quanto previsto dalla deliberazione di Giunta regionale, esemplificando la possibile applicazione della norma.

  • Schema di regolamento senza zone sottoposte a tutela: non individua zone da sottoporre a tutela, descrive le modalità per l’apertura, il subentro, ecc. delle attività di somministrazione di alimenti e bevande e i requisiti necessari perché la SCIA sia valida.
  • Schema di regolamento con zone sottoposte a tutela: esemplifica un Comune che abbia scelto di sottoporre a tutela delle aree del proprio territorio, dividendolo in 4 zone. I criteri/requisiti elencati nello schema di regolamento sono il più possibile aderenti alla DGR 854/2016.

Gli allegati allo schema di regolamento tipo