Siete in Home / ATTUALITÀ / InfoCELVA / Notizie in primo piano

La Commune à l'École, premiati i progetti vincitori

Categoria: La Commune à l'École, Data: 7 giugno 2021

logo del concorso

Sono 8 le classi della scuola dell’infanzia e primaria che, nonostante un anno scolastico ancora condizionato dalla pandemia, hanno accolto l’invito delle Istituzioni regionali e locali a partecipare al concorso educativo “La Commune à l’Ecole / Un Conseil pour l'école”, promosso nell’ambito dei "Rendez-vous citoyens" previsti dalla legge regionale 6/2006 per sostenere la partecipazione civica sul territorio.

La cerimonia di consegna dei premi si è tenuta oggi, lunedì 7 giugno 2021, in un evento in videoconferenza: nella sede del Celva di Aosta, erano presenti il Presidente del Consiglio Valle, Alberto Bertin, l'Assessore regionale all’istruzione, università, politiche giovanili, affari europei e partecipate, Luciano Caveri, e il responsabile politico del progetto per il Celva, Ronny Borbey. Erano invece collegati dalle rispettive sedi gli alunni, gli insegnanti, i dirigenti scolastici e i Sindaci coinvolti.

Il concorso si è rivolto alle classi della scuola dell'infanzia, sul tema "Il bello delle regole: impegni e azioni che ci possono aiutare a vivere bene nel nostro Comune", mentre le classi della scuola primaria hanno ragionato su "Caro Sindaco, ci è venuta un’idea… Spunti, progetti e nuove proposte per un Comune che diventa la nostra aula".

In base al regolamento, i premi da assegnare avrebbero dovuto essere tre per ogni categoria (infanzia e primaria), ma le candidature sono state giudicate tutte di livello medio-alto e si è valutato che l'impegno di tutti i partecipanti dovesse essere meritorio di un riconoscimento, a maggior ragione perché l'anno scolastico 2020-2021 è stato caratterizzato da difficoltà nello svolgimento del programma didattico e da discontinuità nella frequenza in presenza. Tutti i progetti presentati hanno così ricevuto un premio, tra buoni per escursioni sul territorio o laboratori in classe.

«Quest'anno condizionato dalla pandemia - ha detto il Presidente del Consiglio Valle, Alberto Bertin - è stato anche l'occasione per sperimentare cose nuove, utilizzando le nuove tecnologie. Per essere cittadini migliori è importante conoscere le regole: è come quando si gioca, prima bisogna imparare come si fa, poi si può iniziare a giocare. Un grazie alle maestre che hanno saputo coinvolgere i bambini, sviluppando la loro creatività per accrescere la loro consapevolezza dell'ambiente in cui vivono

«Finisce un secondo anno scolastico segnato dalle difficoltà che le restrizioni della pandemia hanno imposto anche al mondo della scuola - ha aggiunto l'Assessore all'istruzione, Luciano Caveri -. Un anno impegnativo durante il quale gli studenti valdostani hanno dimostrato che solo rispettando le regole si può vivere in comunità, fondamenti essenziali della democrazia. Apprezziamo molto iniziative come questa, che è partita dai Comuni e di questo li ringraziamo: una coscienza civile che parte dal basso sta alla base di ogni realtà democratica

«Lo sguardo di questi bambini aiuta noi grandi - ha sottolineato il responsabile politico del progetto per il Celva, Ronny Borbey -, perchè ci offrono una prospettiva diversa e ci danno suggerimenti di cui tenere conto. La valenza di questo progetto consiste nell'avvicinare le Istituzioni ai bambini e i bambini alle Istituzioni: è importante voler bene al proprio territorio e gli alunni che hanno partecipato lo hanno dimostrato

Di seguito l’elenco completo dei vincitori.


SCUOLA DELL’INFANZIA

"Il bello delle regole: impegni e azioni che ci possono aiutare

a vivere bene nel nostro Comune"


1° premio: sezione unica Gressoney-La-Trinité, Istituzione scolastica Walser-Mont Rose B

progetto Cammino, scopro, ammiro

Insegnanti: Elisabetta Negra e Agnese Canale Clapetto

Sindaco: Alessandro Girod

I bambini e le maestre hanno sperimentato nuove passeggiate nel comune, adatte alla fascia d'età 3-8 anni, e riflettuto sulle regole e azioni che permettono di vivere bene semplici escursioni nel rispetto dell’ambiente. Hanno chiesto aiuto al Sindaco e all'Assessore all'istruzione: con un lavoro di squadra è stato possibile realizzare delle mappe sia cartacee sia in formato digitale interattivo, con QR code, che presentano i percorsi realizzati, tracciati con paletti colorati e contraddistinti dal nome di un animale. Le fasi del progetto sono raccontate dai bambini con la tecnica del "kamishibai". Il premio consiste in un buono per un’escursione didattica guidata sul territorio di una giornata, dedicata all’approfondimento ambientale, paesaggistico e naturalistico.

2° premio: sezione I di Verrayes capoluogo, Istituzione scolastica Abbé Prosper Duc

progetto Le apette

insegnante: Tiziana Guglielminetti

Sindaco: Wanda Chapellu

In un percorso di educazione alla cittadinanza i bambini hanno affrontato le regole e il rispetto ("Cosa posso fare io per la mia terra?), i diritti dei bambini (la scuola dei diritti, la carta d'identità), dove vivo (il Comune, il Sindaco e la cultura del territorio), insieme abbelliamo il nostro Comune (abbelliamo il nostro parco giochi) Il lavoro è arricchito da una presentazione interattiva.

Il premio consiste in un buono per un’escursione didattica guidata sul territorio di mezza giornata, dedicata all’approfondimento ambientale, paesaggistico e naturalistico.

3° premio: sezione unica di Hône, Istituzione scolastica Mont Rose A

progetto Per una buona convivenza

insegnanti: Monica Monetta e Monica Viani

Sindaco: Alex Micheletto

I bambini sono andati alla scoperta della Casa comunale: hanno esplorato i diversi uffici, incontrato i funzionari comunali e hanno intervistato il Sindaco. Sono state approfondite le regole di buona convivenza: cose da fare, cose che non si possono fare, cose a cui fare attenzione, come ci si comporta con i cani. Il tutto raccontato dai bambini stessi in un video.

Il premio consiste in un buono per un laboratorio didattico di una giornata in classe di approfondimento paesaggistico e naturalistico.

4° premio: sezione unica di Donnas - Vert, Istituzione scolastica Mont Rose A

progetto Andiamo nell'orto di Diana

insegnanti: Grazia Tousco e Isabella Glesaz

Sindaco: Amedeo Follioley

Diana, Consigliere comunale, ha accolto nel suo orto i bambini che, attraverso i 5 sensi (manipolare, osservare, ascoltare, annusare, assaggiare) hanno imparato buone pratiche per rispettare l'ambiente, soffermandosi sul ruolo dei semi e delle api e sul corretto utilizzo del compost e dell'acqua.

Il premio consiste in un buono per un laboratorio didattico di mezza giornata in classe di approfondimento paesaggistico e naturalistico.


Scuola PRIMARIA

"Caro Sindaco, ci è venuta un’idea…

Spunti, progetti e nuove proposte per un Comune che diventa la nostra aula"


1° premio: classe 1a di Donnas capoluogo, Istituzione scolastica Mont Rose A, che ha lavorato con le sezioni 1 e 2 della scuola dell'infanzia.

progetto Gioca l'arte

insegnanti: Federica Fantolin (primaria) e Chiara Nicco (infanzia)

Sindaco: Amedeo Follioley

Ciò che rattrista di più gli alunni della primaria è il non poter utilizzare giocattoli durante l’intervallo, mentre, quando si parla di regole, ai più piccoli viene in mente il gioco. I due temi del concorso hanno permesso alla scuola dell’infanzia e della primaria di convergere su un unico progetto: la realizzazione di un parco giochi fatto di disegni sul cortile scolastico. Utilizzando l'arte come linguaggio universale, i bambini hanno creato, disegnato per terra e colorato i seguenti giochi, ognuno disciplinato da precise regole: il mimo, 4 cantoni, campana, gioca Mirò, settimana, onde e barche, reticolo coding. Il premio consiste in un buono per un’escursione didattica guidata sul territorio di una giornata, dedicata all’approfondimento ambientale, paesaggistico e naturalistico.

2° premio: classe 5a di Charvensod capoluogo, Istituzione scolastica Mont Emilius 3

progetto Un'aula nel bosco

insegnanti: Cesira Comé e Ida Segor

Sindaco: Ronny Borbey

Nel corso dell'anno scolastico gli alunni sono usciti per fare scuola all’aperto. Hanno visitato il comune, analizzato i monumenti, ascoltato lezioni seduti su sacchi di juta e svolto attività di diverse discipline (geografia, geometria, scienze, storia) in maniera stimolante. Dopo questa positiva esperienza, la proposta è di realizzare “un’aula” nel bosco, sistemando dei tronchi per sedersi, in uno spazio possibilmente in piano e non troppo distante dalla scuola.

Il premio consiste in un buono per un’escursione didattica guidata sul territorio di una mezza giornata, dedicata all’approfondimento ambientale, paesaggistico e naturalistico.

3° premio: classi 1a, 2 a, 3 a, 4 a ,5 a di Gressoney-La-Trinité, Istituzione scolastica Walser-Mont Rose B

progetto Un viaggio nel tempo

insegnante: Chiara Linty

Sindaco: Alessandro Girod

Al termine di un lavoro di ricerca sul territorio e sul cambiamento economico di Gressoney-La-Trinité a partire dagli anni '50, è stato realizzato un video, grazie anche al Comune e al Gruppo folkloristico di Gressoney, i cui protagonisti sono i bambini della scuola primaria, con costumi d'epoca, che interpretano le diverse attività economiche del paese. I bambini si sono documentati con libri e immagini storiche, hanno raccolto testimonianze intervistando i familiari, hanno ottenuto informazioni sul paese durante l'incontro con l'Amministrazione comunale e le uscite sul territorio.

Il premio consiste in un buono per un laboratorio didattico di una giornata in classe di approfondimento paesaggistico e naturalistico.

4° premio: classi 4 a e 5 a di Charvensod Plan Félinaz, Istituzione scolastica Mont Emilius 3

progetto Caro Sindaco, ti scrivo…

insegnante: Simona Mussone

Sindaco: Ronny Borbey

Gli alunni interpretano una versione rivisitata della famosa canzone di Lucio Dalla. Il testo è ricco di proposte per la Consulta comunale dei ragazzi, elaborate in classe e nel corso di uscite sul territorio. Attraverso la musica, espongono al Sindaco le loro aspettative per un nuovo anno migliore: cartelli vicino alle scuole per limitare la circolazione veloce su strada, marciapiedi lastricati, più aree gioco, spazi per incontrarsi sicuri e controllati, puliti e curati, maggiore civiltà da parte di chi porta a spasso i cani.

Il premio consiste in un buono per un laboratorio didattico di mezza giornata in classe di approfondimento paesaggistico e naturalistico.

 

Fonte: Ufficio stampa del Consiglio regionale della Valle d'Aosta

Galleria fotografica

Ronny BorbeyaaAlberto BertinaaLuciano CaveriaaPremiazione la Commune à l'ÉcoleaaMomento della premiazioneaaClassi in videocollegamentoaa
Notizia 34 di 2044