Siete in Home / CELVA / Contributi per gli enti soci / Contributi efficientamento energetico

Contributi ai Comuni per opere pubbliche di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile

Il 29 giugno 2019 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge 28 giugno 2019, n. 58, che ha convertito in legge il d.l. 30 aprile 2019, n. 34, “Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi”.

All’interno di tale decreto, cosiddetto “decreto crescita”, ed in particolare all’articolo 30, vengono assegnati dei contributi in favore dei Comuni per il finanziamento di una o più opere pubbliche in materia di efficientamento energetico e di sviluppo territoriale sostenibile.

L’importo del contributo da destinare a ciascun Comune è stabilito in base alla popolazione residente alla data del 1° gennaio 2018 come segue:

  • Popolazione inferiore o uguale a 5.000 abitanti: contributo pari a € 50.000,00 ;
  • Popolazione compresa tra 5.001 e 10.000 abitanti: contributo pari a € 70.000,00;
  • Popolazione compresa tra 10.001 e 20.000 abitanti: contributo pari a € 90.000,00;
  • Popolazione compresa tra 20.001 e 50.000 abitanti: contributo pari a € 130.000,00;
  • Popolazione compresa tra 50.001 e 100.000 abitanti: contributo pari a € 170.000,00;
  • Popolazione compresa tra 100.001 e 250.000 abitanti: contributo pari a € 210.000,00;
  • Popolazione superiore a 250.000 abitanti: contributo pari a € 250.000,00.

I Comuni hanno la possibilità di finanziare una o più opere pubbliche a condizione che:

  • non abbiano già ottenuto un finanziamento a valere su fondi pubblici o privati, nazionali, regionali, provinciali o strutturali di investimento europeo;
  • siano aggiuntive rispetto a quelle già programmate nel  bilancio di previsione 2019.

L’erogazione del contributo, che per i Comuni valdostani avviene per il tramite della Regione autonoma Valle d’Aosta, è suddivisa in 2 fasi:

  • acconto del 50% assegnato previa richiesta da parte del Ministero dello sviluppo economico sulla base dell'attestazione dell'ente beneficiario dell'avvenuto inizio dell'esecuzione dei lavori entro il termine del 31 ottobre 2019 (prorogato al 31 dicembre 2019);
  • saldo, determinato come differenza tra la spesa effettivamente sostenuta per la realizzazione del progetto e la quota già erogata, nel limite dell'importo del contributo, corrisposto su autorizzazione del Ministero dello sviluppo economico in ordine al collaudo e alla regolare esecuzione dei lavori.

Il testo pubblicato del decreto 30 aprile 2019, n.34, così come convertito in legge, è consultabile al seguente link:

Il Decreto direttoriale del Ministero dello Sviluppo economico, 14 maggio 2019 recante “Contributi per l’efficientamento energetico e lo sviluppo territoriale sostenibile in favore dei Comuni”, assegna i contributi stanziati dal decreto legge 30 aprile 2019, n.34.

All’interno del decreto viene inoltre disposto che le le disposizioni operative e le modalità di controllo per l’attuazione della misura saranno disciplinate con successivi provvedimenti ministeriali.

Aggiornamento del 12 luglio 2019: è stato adottato dal Ministero dello Sviluppo economico il Decreto direttoriale, 10 luglio 2019 recante “Contributi efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile in favore dei Comuni. Disposizioni operative.”, il quale indica le modalità operative che i Comuni devono seguire per poter beneficiare del contributo e le tipologie di interventi eseguibili.

All’interno del decreto viene inoltre disposto che le modalità di controllo per l’attuazione della misura saranno disciplinate con successivo provvedimento ministeriale.

Aggiornamento del 29 agosto 2019: sono state pubblicate su sito web del Ministero delle Sviluppo economico le FAQ  con le risposte alle domande più frequenti.

Aggiornamento del 2 novembre 2019: ai sensi dell’art. 15 della legge 2 novembre 2019, n.128, di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 3 settembre 2019, n.101, il termine di inizio lavori relativo alla realizzazione degli interventi è stato prorogato al 31 dicembre 2019.

Per ogni ulteriore chiarimento in merito, è possibile contattare il referente tecnico del CELVA per l'area territorio, arch. Mattia Caliano, m.caliano@celva.it.