Siete in Home / CELVA / Il Consorzio degli enti locali / Il Report di Attività 2019 / Anno 2017

Anno 2017

I numeri del Consorzio degli enti locali della Valle d’Aosta ci dicono molto sulle sue caratteristiche. Associando al proprio interno i 74 Comuni, le 8 Unités des Communes e il Consorzio BIM, il CELVA ha avuto l’esplicito mandato, politico ed organizzativo, di rappresentare istanze, bisogni e prospettive degli enti locali valdostani.

Al tempo stesso, la legge regionale 5 agosto 2014, n. 6 (Nuova disciplina dell'esercizio associato di funzioni e servizi comunali e soppressione delle Comunità montane), disciplinando le modalità di organizzazione dell'esercizio obbligatorio in forma associata delle funzioni e dei servizi comunali, ha affidato al Consorzio una parte attiva nel portare il sistema dei nostri enti verso una nuova governance organizzativa, funzionale a una sempre maggiore efficacia ed efficienza, ma soprattutto a una più stretta vicinanza ai nostri cittadini.

La nostra realtà associativa non si è certo tirata indietro nel raccogliere queste sfide. Come evidenziano i numeri del presente Report di attività, nel 2017 abbiamo confermato la nostra posizione di leader nella formazione del comparto: il 100% degli enti ha preso parte ad almeno un momento formativo o informativo; la consulenza, nelle sue diverse accezioni, ha potenziato i propri servizi, anche attraverso il loro posizionamento su un’unica piattaforma web di riferimento. Proprio il carattere innovativo che abbiamo inteso affidare al servizio associato ha trovato sintesi nel prodotto Fines modulistica, al quale è stato attribuito il "Premio innovazione SMAU 2017". Nel corso degli ultimi mesi dell’anno sono state inoltre poste le basi per lo sviluppo di due nuovi servizi associati, ai sensi della legge 6 del 2014, e relativi alla gestione del servizio di trattamento economico del personale degli enti locali e attività di assistenza previdenziale e giuridica, anche per il supporto nelle attività di contrattazione e nelle relazioni sindacali inerenti al personale dirigente e a quello delle categorie, nonché alle attività di riscossione coattiva delle entrate patrimoniali e tributarie degli enti locali.

Sotto il profilo delle iniziative progettuali, il CELVA ha promosso alcune importanti azioni di confronto con il tessuto imprenditoriale, professionale e accademico che opera in Valle d’Aosta. Fra di esse cito in particolare la giornata di riflessione su “La casa in Valle d’Aosta, entre histoire et innovation”, per stimolare il dialogo sull’architettura locale, i metodi e le tecnologie costruttive. A fronte di una continuità assicurata al progetto di educazione alla cittadinanza “La Commune à l’Ecole” e le attività per il controllo del randagismo riunite sotto “Mi fido di te”, abbiamo anche introdotto nuove iniziative, quali il portale delle mostre mercato, l'attivazione dei servizi di pagamento della PA locale e le attività a supporto degli enti locali in materia di società a partecipazione pubblica.

Alla vigilia dei primi vent’anni di attività del Consorzio, nel ringraziare tutti i colleghi Sindaci per l'impegno costantemente profuso, sottolineo come la nostra sia una realtà associativa più che consolidata: il CELVA deve continuare a rappresentare il mandato politico e amministrativo che gli è stato affidato nell’ambito del Sistema delle Autonomie, affinché tutte le nostre Amministrazioni, dal capoluogo di Regione al piccolo borgo, possano trovare in esso un interlocutore orientato al futuro, allo sviluppo e alla crescita, non solo economica, della nostra comunità valdostana.


Franco Manes, Presidente del CELVA

Allegati

Report di attività CELVA per l'anno 2017 , documento , peso 1,19 MegaByte